Comunicati stampa

27 aprile 2015

OASI, ottomila visitatori e obiettivo raggiunto: l’olivo 
 sotto i riflettori per tre giorni
Tutti i numeri del salone tematico in Fiera del Levante

“L’obiettivo di OASI è stato raggiunto. Siamo riusciti a puntare i riflettori sull’albero di ulivo e su tutte le sue declinazioni, coinvolgendo non solo la filiera dell’olio ma anche quella sociale e culturale. E soprattutto il grande pubblico: nella tre giorni 8000 visitatori, con 1000 scolari solo il primo giorno, 80 espositori, più di 30 eventi. Con una incisiva presenza web: sul sito, una media di 1000 accessi al giorno nell’ultima settimana; su Facebook, 1400 like, 200 post caricati e info fornite in tempo reale. Siamo più che soddisfatti. Ha vinto l’ulivo e ha funzionato il gioco di squadra”.

Così Alessandro Ambrosi, presidente della Camera di Commercio di Bari, a consuntivo di OASI, il Salone dell’Olivo, dell’Ambiente, della Salute e dell’Innovazione, ospitato dalla Fiera del Levante dal 24 al 26 aprile. L’iniziativa in partnership fra l’ente camerale barese e l’assessorato alle Risorse agroalimentari della Regione Puglia, col contributo tecnico del CIBi e la collaborazione di Unioncamere Puglia e Fiera del Levante, è stato il primo evento in Puglia interamente dedicato alla pianta e ai suoi frutti, dall’impiego alimentare a quello cosmetico e artistico.

“Facendo fronte comune - aggiunge l’assessore alle Risorse agroalimentari della Regione Puglia, Fabrizio Nardoni - siamo riusciti a trasformare il momento di debolezza del comparto, a causa della Xylella, in un punto di forza. La manifestazione ha incarnato la Puglia migliore, la Puglia che reagisce, a livello istituzionale con azioni e misure specifiche, anche per dimostrare che la qualità del nostro olio resta la migliore. Sottolineando, con la grande affluenza di pubblico, il senso di unità e di appartenenza a una terra che affida da sempre la sua storia ma anche il suo domani a una pianta simbolo, all’albero per eccellenza”.

Il Salone, su uno spazio espositivo di 2400 mq, ha declinato i sui contenuti in dodici aree tematiche: “OASI - sottolinea Nino Paparella, presidente del CIBi - ha coinvolto tutti: il pubblico professionale, ossia olivicoltori, frantoiani e tecnici agronomi giunti anche da altre regioni del Sud, ma anche famiglie e bambini. Si è partiti con le premiazioni internazionali del Premio Biol e la giornata dei mille scolari del progetto BiolKids, avviando in parallelo i molti incontri tematici: da quello sull’emergenza Xylella, che ha fatto il punto sulle azioni comunitarie e nazionali ormai improrogabili, al Patto Città Campagna in ambito ambientale e paesaggistico in lancio a Bari; dal binomio innovazione e giovani agricoltori, agli aggiornamenti su nuova Pac e Psr Puglia; dalla cosmesi in chiave salutistica, analizzata dai pionieri del settore, all’approfondimento sull’olivo nelle religioni monoteiste”.

A completare il ricco quadro delle attività, i seminari sull’etichettatura, sulla sicurezza, sulla formazione professionale e i focus group sul marketing olivicolo; i press tour per la stampa, i corsi per assaggiatori d’olio in collaborazione con l’Ifoc e gli incontri di avviamento all’assaggio aperti ai profani, le performance info-didattiche di Pino Africano, i vari momenti di spettacolo con il gruppo Terrae, il cantastorie Tonino Zurlo, l’attore e agricoltore Nicola Conversano. E ancora, le analisi in diretta degli oli da cucina portati da casa dai visitatori, la neonata biblioteca aperta GiUlivi Lettori, gli spettacoli e le animazioni – dai burattini del Granteatrino alla ContTurBand -, i colorati laboratori di educazione sostenibile per bambini e famiglie, i continui cicli di showcooking e degustazioni - anche grazie a chef e studenti dell’Istituto Majorana - che hanno coinvolto i visitatori, tra aromi e sapori della terra di Puglia, esaltati nell’affollata mostra mercato dei produttori biologici locali legati ai gruppi di acquisto solidale. Per Ugo Patroni Griffi, presidente della Fiera del Levante, “si è dunque trattato di una specializzata a tutti gli effetti, un passo importante anche per il rilancio della Fiera. E’ stato piantato il seme di una piattaforma per lo sviluppo non solo del comparto olivicolo ma, attraverso di esso, di tutto il territorio pugliese, ripartendo dall’albero simbolo della nostra storia, e soprattutto hanno lavorato benissimo insieme istituzioni, produttori, associazioni e consumatori”.

Bari 27 aprile 2015
Per l’ufficio stampa CdC di Bari:
Chicca Maralfa 080.2174236;
Per l’ufficio stampa CIBi-Premio Biol:
Fabio Nardulli 339.1307311

SCARICA COMUNICATO STAMPA

SCARICA FOTO RESOCONTO FINALE

26 aprile 2015

Conclusa alla Fiera del Levante la tre giorni. Grande affluenza di pubblico

Da OASI i tre obiettivi comunitari anti-Xylella

Il presidente della Commissione Agricoltura UE, De Castro, nel forum al Salone sull’Olivo. Coldiretti al Governo: presto con la dichiarazione dello stato di calamità

Ha aleggiato per due giorni. E alla fine, i riflettori si sono accesi su di lei, la croce che gli olivicoltori pugliesi stanno portando giocoforza sulle spalle. Si è discusso di lotta alla Xylella nell’ultima giornata di OASI, il salone dedicato all’Olivo, che si è concluso oggi alla Fiera del Levante di Bari, promosso da Camera di Commercio di Bari, Regione Puglia – Area Sviluppo Rurale, col contributo tecnico del CIBi, in collaborazione con Unioncamere Puglia e Fiera del Levante.

Nell’incontro si è partiti da alcune domande: quali i possibili rimedi al terribile batterio che uccide gli ulivi? Gli esperti del settore si affidano alle risposte della comunità scientifica e tracciano la strada da seguire. Il presidente della Commissione agricoltura e sviluppo rurale UE, Paolo De Castro, è intervenuto in videoconferenza da Londra, sgombrando il campo dagli equivoci: “La Xylella è un batterio da quarantena, soggetto a regole internazionali e a tal proposito le direttive europee parlano chiaro, imponendo l’eradicazione. Il nostro compito è quello di combattere il vettore del batterio, di circoscrivere il problema e in effetti non esiste un rischio di epidemia oltre la zona già colpita. L’Unione Europea ha tre obblighi da assolvere: bloccare l’importazione di specie ornamentali provenienti da zone pericolose, finanziare la soprattutto dal Sud America, tutelare gli agricoltori attraverso la concessione di un ristoro, intensificare la ricerca per aumentare il livello di conoscenza”.

Angelo Corsetti, direttore di Coldiretti Puglia, ha lanciato un appello al Governo italiano: “Nonostante la richiesta del riconoscimento dello stato di calamità naturale sia partita un anno fa – ha precisato – non abbiamo ancora ottenuto la modifica della legge nazionale, che darebbe ossigeno agli agricoltori. Occorre una dotazione finanziaria ad hoc, destinata esclusivamente all’emergenza ‘Xylella fastidiosa’ nel Fondo di solidarietà nazionale, per i danni diretti e indiretti a carico delle quasi 7mila aziende colpite dal batterio. Sul fronte della ricerca a breve partirà una campagna per favorire la raccolta fondi”.

La manifestazione si è conclusa offrendo ancora eventi e appuntamenti in linea con il taglio che l’ha caratterizzata sin dall’apertura: “un evento – sottolinea Luigi Triggiani, dirigente di Unioncamere Puglia - ideato affinché la comunità si riappropri di un’identità culturale, della consapevolezza e l’orgoglio di vivere immersi in un oliveto grande quanto una regione”. E dunque fino a sera spazio a showcooking, degustazioni, incontri sul binomio alimentazione e salute con Pino Africano, gli spettacoli di burattini del Granteatrino, laboratori per bambini, tutti segnati dalla massiccia affluenza di pubblico che ha accompagnato l’intera tre giorni.

Bari 26 aprile 2015
Per l’ufficio stampa
Chicca Maralfa
080.2174236
 
Fabio Nardulli_CIBi
3391307311
 

SCARICA IL COMUNICATO STAMPA

SCARICA FOTO TERZO GIORNO

 

 

25 aprile 2015

Da OASI il patto città campagna nel nome dell’ulivo
Mons Cacucci nell’omelia: un’alleanza per la pianta-simbolo di pace, umiltà, modestia, fiducia e sobrietà, valori importanti in tempi difficili

Domani chiusura con il focus sulla Xylella con il commissario Silletti

“Il momento doloroso che stiamo vivendo per la malattia dell’ulivo può servire per avere una  costante cura della natura: una ‘gran signora’ che esce dalle mani di Dio; e quando la natura non si rispetta le conseguenze prima o poi si pagano”. E’ stata dedicata all’olivo, simbolo di pace, umiltà, modestia, fiducia e sobrietà, valori importanti in tempi difficili, e ai suoi straordinari doni, fra cui l’olio nella sua sacralità, l’omelia di Mons. Francesco Cacucci, nella messa celebrata stamattina a Oasi, il salone dell’Olivo inaugurato ieri, 24 aprile, alla Fiera del Levante.

L’arcivescovo di Bari ha auspicato inoltre una maggiore collaborazione fra gli agricoltori e le loro associazioni per dare più spessore ed efficacia alle azioni e agli interventi messi in atto a tutela delle nostre produzioni. Di fatto, un’anticipazione del tema del giorno, la Xylella, che aleggia sin dall’apertura del Salone, e che domani, nella sua giornata conclusiva, troverà l’atteso approfondimento con l’incontro aperto a cui parteciperà il commissario straordinario Giuseppe Silletti.

Nella seconda giornata del Salone - molta affluenza di pubblico, nonostante il week end festivo – affrontato anche il tema della cooperazione, approfondito nella tavola rotonda dedicata al patto tra città e campagna, che ha affrontato il legame tra urbanistica e agricoltura, tracciando le opportunità di un’olivicoltura urbana nel barese, grazie al supporto delle politiche comunali e regionali.

“Occorre ripensare la funzione dell’urbanistica e riscoprire l’importanza delle radici agricole - ha commentato l’assessore all’Urbanistica del Comune di Bari, Carla Tedesco. Bari può e deve essere la porta di territori emergenti che hanno intrapreso percorsi di sviluppo legati al paesaggio rurale e alla cultura”. Sulla scia Nino Paparella, presidente del CIBi, Consorzio Italiano per il Biologico: “Sotto il profilo di città agricola, Bari ha importanti prospettive di crescita. Partendo dai dati dell’ultimo censimento agricolo, il capoluogo conta oltre 4mila ettari di superficie coltivata, 1.700 ettari di oliveto e una produzione stimata di 850mila litri d’olio di oliva, di cui 160mila biologici”.

Il tema del valore simbolico e culturale della pianta d’olivo è stato affrontato anche nell'incontro tra i rappresentanti delle tre grandi religioni monoteiste. Il sacerdote cattolico, Mario Persano, il rappresentante della comunità palestinese in Puglia, Hasyr Hasan, il teologo esperto di religione ebraica, Michele Loconsole, si sono scambiati parole di pace e fratellanza intorno al potente simbolo evocativo dell'olivo, pianta mediterranea che accomuna i popoli. Lo scrittore Enzo Varricchio ha introdotto l'evento con una prolusione sui "racconti dell'oliva", cioè sui miti, leggende e tradizioni di questo frutto prezioso e del suo succo prodigioso. 

Succo che ha applicazioni anche in campo non alimentare: ad esempio nella cosmesi. Se ne è parlato con esperti del settore nell’incontro “La cosmesi naturale biologica: una passeggiata di 5000 anni”, coordinato da Alessandro Spadoni del Comitato Tecnico BiolItalia: “Il mercato della cosmesi bio ed ecologica è in grande crescita – ha dichiarato - e ad oggi vanta circa 300 aziende produttrici. Il nostro incontro ad Oasi ha riunito forse per la prima volta attorno allo stesso tavolo i pionieri del settore, venuti anche dall’estero per testimoniare l’importanza di una produzione sostenibile e attenta agli aspetti salutistici”.

Non sono mancati altri incontri a tema, laboratori per famiglie, momenti di degustazione, showcooking che hanno coinvolto i visitatori, tra aromi e sapori della terra di Puglia, anche attraverso la mostra mercato dei produttori biologici locali legati ai gruppi di acquisto solidale. Domani, giornata conclusiva, sempre ad ingresso gratuito. Iscrivendosi online su www.oasi.me - o tramite la pagina facebook OASI: Olivo, Ambiente, Salute e Innovazione - si avrà diritto a una bottiglia d'olio da ritirare in Fiera. 

 

Il calendario di domani, domenica 27 aprile, ultima giornata di OASI

Ore 10,00 focus sulla Xylella: Ritorniamo a coltivare e piantare olivi: la nostra risposta alla Xylella
Intervengono Giuseppe Silletti - Commissario straordinario per la lotta alla Xylella; Giovanni Cantele, Presidente Coldiretti Puglia; Giovanni Paolo Martelli, virologo e fitopatologo; Francesco Porcelli, entomologo; Paolo De Castro - presidente Commissione Agricoltura Parlamento Europeo (in video conferenza); modera Roberto De Petro, giornalista. 

Ore 18  “Vivere mi piace da morire - Tutti i cibi anticancro” con Pino Africano – Associazione LaSaluteMeLaMangio. Una performance per far conoscere quanto sia importante per la nostra salute evitare gli oli industriali a favore dell’extravergine d’oliva per prevenire l’insorgenza dei tumori.

 

Per l’ufficio stampa 

Chicca Maralfa
Camera di Commercio di Bari
080.2174236
Fabio Nardulli CIBi
339-1307311

 

SCARICA IL COMUNICATO STAMPA

SCARICA FOTO SECONDO GIORNO

24 aprile 2015

Inaugurato OASI, il salone dell’olivo
Vendola: il nostro resta il miglior olio del mondo

Taglio del nastro con laboratori sulla sostenibilità per mille bambini, la consegna dei Premi internazionali Biol, incontri, degustazioni, conferenze e intrattenimento Domani alle 11 la celebrazione della Messa del Vescovo di Bari, Monsignor Cacucci

 

“Difenderemo gli uliveti, gli ulivi e difenderemo l'olio pugliese. La Xylella non ha colpito solo un comparto: ha attaccato il simbolo che dà identità alla nostra regione, ma non compromette affatto la qualità del nostro olio extravergine, che resta il migliore al mondo”. 

Lo ha dichiarato il presidente della Regione Puglia Nichi Vendola, stamani alla Fiera del Levante di Bari, nella giornata inaugurale di OASI, il Salone dell'Olivo, Ambiente, Salute e Innovazione, evento dedicato a tutte le declinazioni della pianta d'olivo, dall'uso alimentare all'estetica fino al design.

A tagliare il nastro nel nuovo padiglione, dove Oasi occupa ben 2400 mq, l'assessore alle Risorse agroalimentari della Regione Puglia, Fabrizio Nardoni, il presidente della Camera di Commercio di Bari, Alessandro Ambrosi - i due enti promotori di OASI - e il presidente della Fiera del Levante Ugo Patroni Griffi, ente partner della manifestazione con Unioncamere Puglia e, per il supporto tecnico organizzativo, CIBi - Premio Biol. 

“Oasi oggi è una start up, ma deve diventare l’Olivitaly mondiale”, ha detto Nardoni, “il modo migliore in cui il nostro territorio poteva reagire per ridare slancio al settore”, ha aggiunto Ambrosi, “un modello di Fiera – ha sottolineato Patroni Griffi - che presenteremo all’Ice e poi al ministero dello Sviluppo Economico affinché Bari conservi questo evento dedicato all’ulivo e ai suoi prodotti”.

Sono intervenuti all’inaugurazione anche Michele Emiliano e l’assessore regionale alla Formazione Professionale Alba Sasso. 

La giornata si era aperta poco prima della cerimonia inaugurale con il grande evento BiolKids - Il villaggio dei bambini: oltre 1000 alunni delle scuole primarie pugliesi, già coinvolti nell'omonimo progetto di educazione alimentare, sono stati protagonisti di una quindicina di scenografici laboratori ludico-educativi su sostenibilità ambientale ed educazione alimentare, alcuni dei quali saranno aperti alle famiglie anche sabato e domenica. 

A fine cerimonia sono stati consegnati i Premi Biol ai migliori oli biologici al mondo, scaturiti dall'omonima manifestazione internazionale – 300 oli in gara da mezzo mondo - tenutasi a marzo a Bari. Il coordinatore del Biol Nino Paparella, insieme alle autorità presenti, ha consegnato le targhe a tutti i produttori degli oli giunti sul podio: il vincitore “Finca la Torre” di Malaga, seguito dal connazionale “Oro del Desierto” e poi dal laziale “Quattrociocchi” dell’omonima azienda di Frosinone, miglior olio italiano. Grandi soddisfazioni per la Puglia, che si è aggiudicata due dei premi principali: il BiolPack al salentino “Forestaforte”, dell’oleificio omonimo di Gagliano del Capo, e il BiolKids, assegnato dalla giuria dei bambini, al “Piantatella” dell’azienda omonima di Statte. E poi gli oltre venti riconoscimenti territoriali, tra cui quello per la terra ospitante, col BiolPuglia assegnato all’olio da coratina ”Eccelso” dell’andriese Agrolio. A chiudere le premiazioni la bellissima interpretazione di un testo sull’ulivo dell’attrice Nunzia Antonino. 

La prima giornata di OASI è stata un susseguirsi di incontri, degustazioni, momenti di intrattenimento e conferenze: dal focus Coldiretti su innovazione nell’Evo e giovani agricoltori al binomio olio-formazione sotto l’egida dell’assessorato regionale alla Formazione professionale; dal corso sull’etichettatura a quello per assaggiatori, dal seminario sui controlli all’incontro sull’olivo nelle varie religioni. 

OASIprosegue fino a domenica (tutti i dettagli su www.oasi.me). 

 

Il programma di domani

 

Domani, 25 aprile, si comincia alle 9.30 con il forum: Patto Città Campagna, L'agricoltura nelle zone periurbane, che presenterà le possibilità offerte dal territorio urbano e periurbano alle coltivazioni in generale e all’olivicoltura in particolare, guardando nello specifico l’azione di supporto offerta dalle politiche comunali e regionali, e le possibilità produttive di un’olivicoltura urbana nel barese. Intervengono l’assessore regionale all’Urbanistica Angela Barbanente; la sua omologa al Comune di Bari, Carla Tedesco; l’assessore comunale all’Ambiente Pietro Petruzzelli; le docenti all’Università della Basilicata Maria Fara Favia e Mariavaleria Mininni; Saverio De Carlo, dell’oleificio omonimo; Luigi Triggiani di Unioncamere Puglia. Modera il presidente CIBi Nino Paparella.

Alle 11 la celebrazione della Messa del Vescovo di Bari, Monsignor Cacucci.

Dalle 16 si parla de La cosmesi naturale biologica: una passeggiata di 5000 anni, con l’intervento di esperti di calibro internazionale: il manager Ecover Peter Malaise; il produttore di cosmetici Enrico Angeli; la blogger di biocosmesi Barbara Righini; il produttore di sapone di Aleppo Mohamed Kourdi, di Sarjilla; il responsabile BDIH Riccardo Anoucinsky. Modera Alessandro Spadoni, del comitato tecnico BiolItalia.

Alle 18.30, EVO e Salute: Coldiretti Puglia presenta il progetto ‘Help Large – Alimenta la tua salute’. Alle 20 la performance teatrale di Nicola Conversano, attore e agricoltore.

Mostre e tanto altro nelle 12 aree tematiche: Mastrolivo, L’uomo e l’olivo; Germogli d’Olivo, Ritorno alla terra; Innovoliva, Ricerca e Innovazione in olivicoltura; GiUlivi Lettori, Biblioteca dell'olio e dell'olivo (aperta anche alle donazioni di testi a tema da parte dei visitatori); Ungimitutto, Il salone della cosmesi naturale; Olio: Sicuro!;  Pane e Olio; Il Bar dell'Olio; Mediterre; BiolKids, Il villaggio dei bambini; Politiche e Sviluppo Rurale, Nuova PAC e PSR Puglia; Mostra Mercato Puglia Natura. 

I visitatori potranno anche portare il proprio olio d’oliva da casa per farselo analizzare gratuitamente. E iscrivendosi online sul sito - o tramite la pagina facebook OASI: Olivo, Ambiente, Salute e Innovazione - si avrà diritto a una bottiglia d'olio da ritirare in Fiera. 

 

www.oasi.me - Facebook: OASI: Olivo, Ambiente, Salute e Innovazione

SCARICA COMUNICATO 

23 aprile 2015

Prende il via la tre giorni alla Fiera del Levante dedicata all'olivo
Oasi: domani l'inaugurazione alle 11

Ricca giornata di incontri e seminari tematici. In mattinata il grande evento BiolKids
con laboratori per 1000 bambini e premiazione dei vincitori del Premio Biol 2015

 

Bari - Si inaugura domani 24 aprile alle 11 alla Fiera del Levante OASI, il Salone dell'Olivo, Ambiente, Salute e Innovazione. 

A tagliare il nastro l'assessore alle Risorse agroalimentari della Regione Puglia, Fabrizio Nardoni, il presidente della Camera di Commercio di Bari, Alessandro Ambrosi - i due enti promotori di OASI - e il presidente della Fiera del Levante Ugo Patroni Griffi, ente partner della manifestazione con Unioncamere Puglia e, per il supporto tecnico organizzativo, CIBi - Premio Biol. 

Nel nuovo padiglione, la pianta d'olivo verrà celebrata con i suoi frutti e impieghi migliori in uno spazio espositivo di 2400 mq, diviso in 12 aree tematiche:Mastrolivo, L’uomo e l’olivo; Germogli d’Olivo, Ritorno alla terra; Innovoliva, Ricerca e Innovazione in olivicoltura; GiUlivi Lettori, Biblioteca dell'olio e dell'olivo; Ungimitutto, Il salone della cosmesi naturale; Olio: Sicuro!;  Pane e Olio; Il Bar dell'Olio; Mediterre; BiolKids, Il villaggio dei bambini; Politiche e Sviluppo Rurale, Nuova PAC e PSR Puglia; Mostra Mercato Puglia Natura

Oasi, a cui si accede gratuitamente, si presenta come una vera e propria tre giorni di festa e intende coinvolgere tutti: il pubblico professionale, costituito da olivicoltori, frantoiani, tecnici agronomi, che troverà nell’evento il meglio che l’innovazione tecnologica è in grado di offrire per questo settore, ma anche famiglie e bambini.

La giornata in fiera si aprirà, poco prima della cerimonia inaugurale, con il grande evento  BiolKids - Il villaggio dei bambini: oltre 1000 alunni delle scuole primarie pugliesi, già coinvolti nell'omonimo progetto di educazione alimentare legato al Premio Biol, saranno protagonisti di una quindicina di laboratori ludico-educativi. A fine cerimonia verranno infine consegnati i premi Biol ai migliori oli biologici al mondo, scaturiti dall'omonima manifestazione tenutasi a marzo a Bari. Con lettura introduttiva dell’attrice Nunzia Antonino. 

E poi, sin dalle 9,30, al via gli incontri e i seminari tematici (a seguire il programma completo della giornata). Si parlerà della nuova immagine e spinta all'innovazione dell'olio extravergine d'oliva grazie ai giovani talenti pugliesi; di fabbisogni formativi legati al mondo dell’agricoltura e, specificatamente, delle imprese operanti nel settore della coltivazione e della trasformazione dell’olio d’oliva.

Dalle 14 si entra nel merito della qualità dell'olio extravergine di oliva  con il corso sull' etichettatura con ABAP, con i controlli ufficiali per l’olio sicuro e di seguito con il corso per assaggiatori di olio I livello. E ancora il Focus group di ISMEA su agricoltura biologica, l'assemblea del Consorzio di Tutela Olio extravergine di oliva DOP Terra di Bari  e alle 19,00 la conferenza su "L’olivo pianta sacra nelle religioni monoteiste". Oasi chiuderà la prima giornata alle 20 con il concerto di Tonino Zurlo.

Iscrivendosi online su www.oasi.me - o tramite la pagina facebook OASI: Olivo, Ambiente, Salute e Innovazione - si avrà diritto a una bottiglia d'olio da ritirare in Fiera.

 

 

Oasi, programma di venerdì 24 aprile

ore 9.30 — Avvio Giornata Finale Biolkids - Viale Mediterraneo e interno OASI

ore 9.30 — Incontro con giornalisti (testate nazionali italiane) del Press Tour - Sala Stampa

ore 9.30 — ‘Dai germogli d’olivo l’orgOLIO di essere pugliesi’- Dati, nuova immagine e spinta all’innovazione per l’EVO di Puglia affidato ai giovani talenti

Introduzione Angelo Corsetti, Direttore Coldiretti Puglia; interventi: Nicola Di Noia, Responsabile Settore Olio Coldiretti Nazionale; David Granieri, Presidente Unaprol; Maurizio Servili, Università di Perugia. Interventi programmati dei giovani olivicoltori di Coldiretti Giovani Impresa Puglia. Conclusioni: Fabrizio Nardoni, Assessore Risorse Agroalimentari Regione Puglia; Gianni Cantele, Presidente Coldiretti Puglia

ore 10 — La formazione professionale incontra il mondo dell’olio d’oliva pugliese (Saletta formazione)

Intervengono: Alba Sasso, Assessore Regionale al Diritto allo Studio e alla Formazione; Anna Lobosco, Dirigente Regionale Servizio Formazione Professionale; Rosa Fiore, Dirigente Regionale Servizio Alimentazione; Stefania Lacriola, Presidente IFOC, Azienda Speciale della CCIAA di Bari; Nicola Panaro, Agronomo Esperto CIBi - Consorzio Italiano per il Biologico; Chiara Scocco, Espert Ernst & Young.

ore 11.30 — Inaugurazione ufficiale della manifestazione - Ingresso OASI - Saluti autorità e visita agli stand  

ore 12 — Premiazione BIOL 2015. Con lettura introduttiva dell’attrice Nunzia Antonino.

ore 14 — Corso su etichettatura con ABAP (Saletta formazione)

Introduzione e moderazione: Nino Paparella - CiBi Puglia; Elvira Tarsitano - Presidente ABAP. Commissione permanente “Igiene, Sicurezza e Qualità” dell’Ordine Nazionale dei Biologi, Roma. 

Relazioni: Ilario Cuozzo - Biologo-Auditor/Lead Auditor sistemi di gestione; Maurizio Ribezzo -  Specialista in igiene ed ispezione degli alimenti Auditor/lead auditor sistemi di gestione; Giovanna Amoruso Biologa - Commissione permanente “Igiene, Sicurezza e Qualità” dell’Ordine Nazionale dei Biologi, Roma; Astrid Wiedersich Avena e Elio De Tullio, Avvocati De Tullio & Partners, Roma. Conclusioni: Elvira Tarsitano Presidente Abap Commissione permanente “Igiene, Sicurezza e Qualità” dell’Ordine Nazionale dei Biologi, Roma.

ore 15 — I controlli ufficiali per l’olio sicuro 

Vincenzo Peluso – Agea, Coordinatore Ufficio Coordinamento dei Controlli specifici nel settore Oli Vegetali Puri. Intervento del Ministero delle Politiche Agricole - ICQRF - Ufficio di Bari

ore 15 — Corso per assaggiatori di olio I livello (Sala stampa; iscrizioni entro il 22 aprile su www.oasi.me)

ore 15 — Focus group di ISMEA su agricoltura biologica - Sala Primo Piano

ore 16 — Assemblea Consorzio di Tutela Olio extravergine di oliva DOP Terra di Bari  

ore 19 — L’olivo pianta sacra nelle religioni monoteiste

Interventi di Mario Persano, sacerdote cattolico, e di esponenti della cultura ebraica e musulmana. Modera Enzo Varricchio, scrittore

ore 20 — Concerto di Tonino Zurlo

 

SCARICA IL COMUNICATO STAMPA

22 aprile 2015

La formazione professionale incontra il mondo dell’olio d’oliva pugliese

Quali sono i fabbisogni formativi legati al mondo dell’agricoltura e, specificatamente, delle imprese operanti nel settore della coltivazione e della trasformazione dell’olio d’oliva? A questa e a molte altre domande intende rispondere il workshop “La formazione professionale incontra il mondo dell’olio d’oliva pugliese”, che avrà luogo venerdì 24 aprile alle ore 10.00 presso la Fiera del Levante di Bari, nell’ambito di “OASI”, il grande evento dedicato all’Olivo e al suo legame con l’Ambiente, con la Salute e con l’Innovazione in agricoltura.

Al workshop, organizzato dalla Regione Puglia in collaborazione con UnionCamere e CIBi (ConsorzioItaliano per il Biologico) parteciperanno l’assessore alla formazione professionale e l’assessore alle risorse agroalimentari. Obiettivo dell’iniziativa, aperta al pubblico e a tutti i soggetti interessati, è la presentazione del Repertorio Regionale delle Figure Professionali come opportunità per le imprese pugliesi di palesare i fabbisogni formativi specifici che riscontrano nella propria quotidianità aziendale e, soprattutto, di veder soddisfatti tali fabbisogni attraverso l’aggiornamento o inserimento ex novo di tali figure nel Sistema regionale di riferimento.

Il Repertorio Regionale delle Figure Professionali è, infatti, un sistema aperto, pronto a recepire gli stimoli provenienti dal mercato del lavoro, dalle parti sociali, dal mondo delle imprese, declinati sulla base delle esigenze rappresentate dal territorio e ha l’obiettivo di definire standard professionali, formativi e relativi ai processi di riconoscimento e certificazione delle competenze.

Grazie al continuo aggiornamento delle figure professionali del repertorio regionale è inoltre possibile sostenere l’innovazione del sistema d’impresa, anche e soprattutto dell’agricoltura e della coltivazione e trasformazione dei prodotti dell’olivo.

Al workshop, oltre all’assessore alla formazione professionale e l’assessore alle risorse agroalimentari della Regione Puglia, parteciperanno i Dirigenti regionali del Servizio Formazione Professionale e Servizio Alimentazione, esponenti di IFOC, Azienda speciale della CCIAA e ente di formazione accreditato, e di CIBi.

L’incontro è parte della programmazione di “OASI – Olivo: Ambiente, Salute e Innovazione”, l’evento dedicato all’olivo, organizzato da Regione Puglia, Camera di Commercio e da CIBi (Consorzio Italiano per il Biologico) dal 24 al 26 aprile presso la Fiera del Levante di Bari.

L’olivo è albero emblematico e prodotto simbolo della nostra Terra. L’intero Distretto dell’olio d’oliva pugliese, il più grande distretto verticalizzato del Meridione d’Italia, con centinaia di migliaiadi famiglie coinvolte in olivicoltura, nella trasformazione, nel commercio e nell’imbottigliamento, troverà in OASI l’Evento perfetto per la sua valorizzazione.

SCARICA IL COMUNICATO STAMPA

21 aprile 2015

Resoconto stampa

OASI: a Bari la grande festa dell'Olivo
Presentata la tre giorni in Fiera del Levante, in programma dal 24 al 26 aprile

                  

Bari - Olivo. Ambiente. Salute. Innovazione. Quattro temi, quattro parole chiave, per inanellare l’acronimo OASI, ossia la Fiera dell’olivo in programma a Bari, alla Fiera del Levante, da venerdì 24 a domenica 26 aprile.

L'evento, ad accesso gratuito, è stato presentato stamani in Camera di Commercio, ente promotore di Oasi insieme a Regione Puglia - Area Sviluppo Rurale, in partnership con Unioncamere Puglia e Fiera del Levante e con il supporto tecnico organizzativo del CIBi - Premio Biol.

"Oasi celebra il nostro albero della vita - ha dichiarato il presidente della Cdc di Bari, Alessandro Ambrosi -  la pianta simbolo della Puglia e del Mediterraneo. Lo testimoniano i dati regionali. Prima regione olivicola in termini di superficie: oltre 377.000 ettari coltivati ad olivo, pari a circa il 32% del totale nazionale; 190mila imprese dedicate. Il primato è confermato anche dai dati di produzione: quasi 12 milioni di quintali di olive, circa il 35% della produzione nazionale. E ben cinque DOP dell’olio di oliva già riconosciute dall’Unione europea, che conferiscono ai nostri oli una importante leva di differenziazione sui mercati nazionali ed esteri".

Dell'obiettivo di fondo ha parlato l'assessore regionale alle Risorse agroalimentari Fabrizio Nardoni: "Volevamo fare qualcosa di importante nel settore olivicolo, come fatto nel vino. Siamo riusciti a farlo in rete con altre istituzioni e associazioni del territorio, puntando non solo sulla qualità dell'olio ma allargando alla filiera. Con l'augurio che possa diventare una Olivitaly. Il momento per gli olivicoltori è cruciale per il dramma della Xylella, che uccide gli ulivi, e la Regione Puglia sta effettuando 600 prelievi giornalieri per evitare il dilagare dei focolai. Sono inoltre state avviate una serie di misure d'urgenza come  due delibere legate ad altrettanti bandi comunitari per la ricerca, per oltre 2 milioni di euro".

Oasi sarà ospitata nel nuovo padiglione della Fiera del Levante che ha dedicato, come ha ricordato il vice presidente dell'ente Lorenzo De Santis, "in uno spazio di circa 2400 mq. Una nuova specializzata, un passo importante per il rilancio della Fiera. L’obiettivo è costruire insieme alle istituzioni, ai produttori, agli industriali e ai consumatori una sorta di piattaforma per lo sviluppo non solo del comparto olivicolo ma, attraverso di esso, di tutto il territorio pugliese".

Oasi - il cui taglio è stato evidenziato anche dalla dirigente del settore alimentazione della Regione Puglia, Rosa Fiore e dal segretario generale della Camera di Commercio di Bari, Angela Partipilo -coinvolge tutti: il pubblico professionale, costituito da olivicoltori, frantoiani, tecnici agronomi, che troverà nell’evento il meglio che l’innovazione tecnologica è in grado di offrire per questo settore, ma anche famiglie e bambini.

A presentare i molteplici contenuti dell'evento e il programma delle iniziative, Nino Paparella, presidente del CIBi - Premio Biol: "L'obiettivo di fondo è stato ricordare come l'agricoltura e l'olivicoltura siano state storicamente il primo motore di crescita per Bari, città non solo a vocazione mercantile. Il nostro sarà un viaggio attraverso tutte le declinazioni della pianta d'olivo. Dai prodotti degli artisti e artigiani ai desk per i giovani che vogliano intraprendere il mestiere dell'agricoltore; dall'innovazione promossa dai Dipartimenti Universitari, le Scuole Superiori di Formazione Tecnica e i distretti di ricerca, ai molteplici utilizzi nella cosmesi". E ancora: altri spazi affronteranno i controlli e la sicurezza dell'olio, il suo uso in una sana e corretta dieta attraverso showcooking, mostre e laboratori del pane, e lo 'Spaccio della Pasta Madre'; passando per il Bar dell'Olio con le sue degustazioni guidate e il corso per assaggiatori in collaborazione con l'Ifoc; o gli spazi per il "Patto Città Campagna", in ambito ambientale e paesaggistico, arrivando a temi più tecnici come  la nuova Pac e il Psr Puglia. "Senza dimenticare momenti più popolari e di interazione con il pubblico - ha aggiunto Paparella - come la Mostra Mercato dei produttori biologici locali legati ai gruppi di acquisto solidale, la possibilità di portare in fiera il proprio olio da cucina per farlo analizzare gratuitamente, il poter donare libri e pubblicazioni sull'olio e l'olivo alla neonata biblioteca Giulivi Lettori". Ricordando che iscrivendosi online su www.oasi.me - o tramite la pagina facebook OASI: Olivo, Ambiente, Salute e Innovazione - si avrà diritto a una bottiglia d'olio da ritirare in Fiera.

Su questi temi Oasi vedrà ogni giorno alternarsi incontri e conferenze con specialisti di calibro nazionale,  come quello sulla Xylella di domenica mattina.

La giornata inaugurale si aprirà alle 11 con la cerimonia d'apertura e il grande evento BiolKids - Il villaggio dei bambini: oltre 1000 alunni delle scuole primarie pugliesi, già coinvolti nell'omonimo progetto di educazione alimentare legato al Premio Biol, saranno protagonisti di una quindicina di laboratori ludico-educativi. A fine cerimonia verranno infine consegnati i premi Biol ai migliori oli biologici al mondo, scaturiti dall'omonima manifestazione tenutasi a marzo a Bari.

 

Info: info@oasi.me
www.oasi.me
tel. 080.5582512
Facebook: OASI: Olivo, Ambiente, Salute e Innovazione

 

SCARICA LA CARTELLA STAMPA

 

20 aprile 2015

Domani OASI si presenta alla stampa

21 aprile, 10,30, conferenza stampa in Camera di Commercio di Bari per illustrare il ricco programma del Salone dell’Olivo, dell’Ambiente, della Salute e dell’Innovazione, che si terrà in Fiera del Levante dal 24 al 26 aprile

2400 mq, nel nuovo padiglione della Fiera del Levante, interamente dedicati all'Olivo e alle sue tante declinazioni: dall'uso alimentare, alla cosmesi, al design. Dodici sezioni specializzate in uno spazio interattivo aperto al pubblico (l'ingresso è gratuito), dove ridare centralità a questa pianta legata a doppio filo, paesaggistico ed economico, alla Puglia.

Dal 24 al 26 aprile Bari dà il benvenuto ad OASI, il salone dell’Olivo, dell’Ambiente, della Salute e dell’Innovazione. E l'evento si veste di un significato speciale nei giorni segnati dal dramma della Xylella, il terribile virus che uccide gli ulivi e rischia di mettere in ginocchio l'agricoltura regionale.

OASI, che è promosso da Regione Puglia - Area Politiche per lo sviluppo rurale e Camera di Commercio di Bari, con supporto e organizzazione tecnica del CIBi - Premio Biol, in partnership con Unioncamere Puglia e Fiera del Levante, sarà presentato alla stampa domani martedì 21 aprile, alle 10.30 in Camera di Commercio di Bari (Sala Giunta).

Il ricco programma della tre giorni ed i suoi contenuti verranno illustrati dal presidente della Camera di Commercio di Bari Alessandro Ambrosi, dall’assessore alle Risorse agroalimentari della Regione Puglia Fabrizio Nardoni, dal presidente della Fiera del Levante Ugo Patroni Griffi e dal presidente del CIBi Nino Paparella.

OASI (www.oasi.me, sito su cui iscrivendosi si potrà ritirare un campione di extravergine bio in Fiera) presenterà i più innovativi processi di produzione, di commercializzazione, ospiterà incontri B2B, esporrà manufatti artigianali legati alla pianta, passando per laboratori e conferenze, in una kermesse che punta a coinvolgere tutti: produttori, consumatori, tecnici, opinion makers, bambini e famiglie.

Per l'ufficio stampa CdC di Bari
Chicca Maralfa
080-2174236
Con preghiera di diffusione e partecipazione
Bari 20 aprile 2015

17 aprile 2015

OASI si presenta alla stampa

Martedì 21 conferenza stampa in Camera di Commercio di Bari per illustrare il ricco programma del Salone dell’Olivo, dell’Ambiente, della Salute e dell’Innovazione
che si terrà in Fiera del Levante dal 24 al 26 aprile.

La settimana prossima arriva a Bari OASI, il salone dell’Olivo, dell’Ambiente, della Salute e dell’Innovazione, in programma in Fiera del Levante dal 24 al 26 aprile. E si veste di un significato speciale nei giorni segnati dal dramma della Xylella, il terribile patogeno che uccide gli ulivi e rischia di mettere in ginocchio l'agricoltura regionale.

L'evento,  promosso da Regione Puglia - Area Politiche per lo sviluppo rurale e Camera di Commercio di Bari, con supporto e organizzazione tecnica del CIBi - Premio Biol, in partnership con Unioncamere Puglia e Fiera del Levante, sarà presentato alla stampa martedì 21 aprile, alle 10.30 in Camera di Commercio di Bari (Sala Giunta). Il ricco programma della tre giorni ed i suoi contenuti verranno illustrati dal presidente della Camera di Commercio di Bari Alessandro Ambrosi, dall’assessore alle Risorse agroalimentari della Regione Puglia Fabrizio Nardoni, dal presidente della Fiera del Levante Ugo Patroni Griffi e dal presidente del CIBi Nino Paparella.

OASI (www.oasi.me, sito su cui iscrivendosisi potrà ritirare un campione di extravergine bio in Fiera) celebra l’olivo in tutte le sue declinazioni: dalla cucina alla cosmesi, dai più innovativi processi di produzione alla commercializzazione, dagli incontri B2B ai manufatti artigianali legati alla pianta, passando per laboratori e conferenze, in una kermesse che punta a coinvolgere tutti: produttori, consumatori, tecnici, opinion makers, bambini e famiglie.


Per l'ufficio stampa CdC di Bari
Chicca Maralfa
080-2174236
Con preghiera di diffusione e partecipazione
Bari 17 aprile 2015
 

Oasi_CS2_Convocazione_conferenza_stampa

10 aprile 2015

L'ulivo, il nostro albero della vita

OASI - Salone dell’Olivo, dell’Ambiente, della Salute e dell’Innovazione
A Bari, alla Fiera del Levante, dal 24 al 26 aprile

Più di una storia lega la pianta d'olivo alla nostra regione, alle campagne pugliesi, al paesaggio, alla nostra gente. L'ulivo è il nostro "focolare" collettivo, intorno a cui si ritrovano intere comunità a scandire il tempo dell'esistenza, nel rispetto della natura e dell'alternanza delle stagioni. L'ulivo, nel passaggio di testimone fra generazioni, è anche forziere di tradizioni che si sono fatte valori, ben oltre l'economia agricola.

Al nostro "albero della vita" Regione Puglia e Camera di Commercio di Bari con il contributo di  Unioncamere Puglia, Fiera del Levante e  CI.BI. Consorzio Italiano per il biologico dedicano OASI - Salone dell’Olivo dell’Ambiente, della Salute e dell’Innovazione, che si svolgerà alla Fiera del Levante dal 24 al 26 aprile. 

L'evento declinerà tutti i significati dell'ulivo, prodotto simbolo della nostra Terra. Verranno promossi i suoi molteplici impieghi, dalla cucina alla cosmesi, dai più innovativi processi di produzione ai manufatti realizzati con la stessa pianta. E poi laboratori, degustazioni in una grande manifestazione che intende coinvolgere tutti: produttori, consumatori, tecnici, opinion makers, bambini.

OASI, alla luce di quanto sta accadendo nella campagne di Puglia, con il dramma della Xylella, assume un significato speciale. 

OASI si propone di diventare riferimento nazionale ed internazionale per giornalisti, opinion makers e operatori commerciali per conoscere l’olivo, l’olio extravergine di oliva di qualità e tutto il suo grande mondo. Nei prossimi giorni il calendario dell'evento verrà presentato in una conferenza stampa congiunta di tutti i soggetti promotori.

 
Per l'ufficio stampa CdC di Bari
Chicca Maralfa
080-2174236
Con preghiera di diffusione 

 

SCARICA IL COMUNICATO STAMPA